Questo articolo è stato aggiornato il 22 Febbraio 2020

Come gestire l’ansia in modo naturale, senza ricorrere a farmaci e medicine varie è possibile, continua la lettura e scopri come farlo attraverso 5 fasi.

Ti sei mai sentita/o completamente in balia delle tue emozioni? Lo stato di ansia ti frena e ti impedisce letteralmente di passare all’azione? Non riesci più a trovare nessun tipo di soluzione positiva? Tutto sembra andare a rotoli?

Crediamo che questa sia una realtà molto comune a molti e che anche tu, almeno una volta, abbia sperimentato.  Magari ti trovavi in una situazione inattesa oppure, al contrario, eri di fronte ad una realtà fin troppo temuta (l’esame finale, un deciso colloquio di lavoro, ecc.). In entrambe i casi tutto sembra sfuggire di mano e le sensazioni negative iniziano ad amplificarsi dentro di te, apparentemente senza controllo, i pensieri negativi si rincorrono nella tua mente ed si entra in un circolo vizioso da cui spesso è difficile uscire.

L’ansia è sempre un vuoto che si genera tra il modo in cui le cose sono e il modo in cui pensiamo che dovrebbero essere; è qualcosa che si colloca tra il reale e l’irreale.
Charlotte Joko Beck

Molte persone trattano il problema esclusivamente in modo farmacologico agendo sicuramente sul sintomo ma non sulla causa. Altre persone sono portate a negare lo stato d’ansia senza comprendere che questo tipo di reazione non porta a nulla di buono.

Si può gestire l’ ansia in modo naturale?

Fortunatamente sì. Vediamo come.

Ansia e paura, come abbiamo già detto in altri articoli, sono stati emotivi/emozioni né positivi né negativi. Siamo noi ad interpretarli in un determinato modo relativamente all’educazione che abbiamo ricevuto e alle esperienze pregresse che abbiamo fatto. In realtà ansia e paura sono da intendere più come dei segnali che indicano qualcosa che sta avvenendo in noi e che bisognerebbe prima di tutto imparare ad ascoltare.

Come gestire l’ansia in modo naturale?

Molte sono le tecniche per gestire lo stato di ansia, oggi ti proporremo un percorso in 5 fasi per farlo in modo naturale e uscire dal circolo vizioso.

Step 1: Sviluppa la consapevolezza che parte tutto dalla tua mente

E’ già…forse per molti questo è il passo più complesso. Sembra più facile attribuire la responsabilità delle cose che ci accadono a fattori esterni, quasi come se non avessimo nessuna voce in capitolo. In realtà, le emozioni non sono cose che accadono dal nulla ma sono generate dai pensieri negativi che inconsapevolmente creiamo rispetto ai condizionamenti mentali che abbiamo subito. E’ un processo così veloce da risultare di difficile decodificazione almeno che non se ne abbia consapevolezza. Sono tutti quei pensieri che iniziamo a fare a condurci nella spirale del circolo vizioso sta a noi prenderne consapevolezza.

Quando finiamo invischiati in pensieri negativi e preoccupazioni è facile generare malinteso e ansietà.

Thich Nath Hanh

Step 2: Accetta l’ansia.

Spesso il modo migliore di calmare uno stato emotivo come l’ansia o la paura è quello di accettarle…non negarle, esse sono lì perché hanno un messaggio per te non necessariamente per ostacolare il tuo cammino…a meno che tu non glielo consenta! Accettare la propria fragilità e di conseguenza lo stato emotivo (ansia, paura, ecc.) sono un buon punto di partenza su cui lavorare.

Step 3: Fermati e respira!

Invece di attivare le trappole mentali che ti porteranno inevitabilmente nel circolo vizioso, fermati un momento e prendi contatto con te stessa/o. Siediti e inizia a respirare in modo profondo. Spesso basta applicare questa semplice tecnica all’emergere dello stato emotivo per gestirlo in modo efficace. Una tecnica molto utile per gestire l’ansia attraverso il respiro è quella che puoi trovare nella sezione meditazione con il nome di respirazione quadrata.

Quando inspiri torni a te stesso. Quando espiri sciogli ogni tensione.

Thich Nath Hanh

Step 4: Osserva dove si localizza l’ansia.

Se il respiro sembra non funzionare allora prova a sentire dove si localizza lo stato di ansia. Ognuno di noi è diverso, per molti si crea un movimento nella zona dello stomaco, altri avvertono un senso di debolezza nelle gambe, altri ancora sentono un blocco alla gola, ecc. Una volta localizzato osserva che cosa avviene in te, dove senti l’emozione e come si muove dentro di te.

Step 5: Inverti il movimento.

Individuato dove e come si manifesta inverti il movimento, per esempio se normalmente avverti un senso di chiusura nella gola puoi focalizzare la tua attenzione in quel punto e visualizzare una porta che lasci passare l’energia portando lì anche attenzione e respiro. Se invece l’ansia si manifesta con un senso di svuotamento dalle gambe puoi invertirne l’effetto creando un sensazione di radicamento e di stabilità a terra.

In conclusione

Questa semplice tecnica può essere applicata in qualsiasi situazione, ricorda prima intervieni meglio è. La tempestività gioca a tuo favore nel gestire l’ansia, non permettere ai tuoi pensieri negativi di annebbiare il tuo potere di azione.

Oltre la tecnica che abbiamo appena illustrato, un altro valido strumento per gestire l’ansia è la meditazione, a tal proposito ti proponiamo la meditazione per imparare a lasciar andare le emozioni negative…da praticare nelle occasioni in cui ti senti tranquilla/o, non in presenza dello stato d’ansia.

La nostra meditazione per aiutarti a gestire l’ansia

E tu…come gestisci la tua ansia? Hai altre tecniche utili?

Condividile con noi attraverso i commenti!

Se ti è piaciuto il nostro articolo ISCRIVITI alla nostra newsletter, riceverai da subito 2 OMAGGI di benvenuto, informazioni utili e pratiche per la tua crescita e i nostri aggiornamenti (per non perderti le novità!!!!)

Risorse per approfondire

Libro [letto da noi!]

Titolo: La rana bollita – Una storia d’ansia, attacchi di panico e cambiamento

Autore: Marina Innorta

Disponibile su Amazon al miglior prezzo QUI!

Scarica gratis il tuo bonus!

Inserisci la tua mail per ricevere

10 Passi (e-Book) e
la Meditazione sul Fiore

Non ti preoccupare… detestiamo lo spam quanto Te!

IMPORTANTE! Come avrai potuto notare il nostro blog è privo di pubblicità! Hai capito bene…nulla ti disturba nelle lettura. Noi autofinanziamo totalmente il nostro lavoro ma ti chiediamo un piccolo aiuto…condividi e commenta questo articolo! Grazie