Vuoi imparare a meditare? Non sai proprio da dove partire? Qui troverai come avvicinarti alla meditazione in modo efficace.

Chi ben comincia è già a metà dell’opera

Voglio meditare ma dove inizio?

Una volta compreso che la pratica della meditazione è proprio quello che fa per te, conosci i molteplici benefici che caratterizzano questa pratica; probabilmente inizieranno ad affiorare nella tua mente altri quesiti:

Da dove inizio? Quale posizione devo assumere? Quanto tempo devo meditare?

Iniziare bene per poter continuare

Sono tutti quesiti fondamentali da porsi anche perché iniziare a meditare nel modo corretto permette al praticante, non solo di sperimentarne da subito i benefici ma gli consentirà di continuare la pratica nel tempo, trasformandola in una sana abitudine quotidiana, esattamente come lavarsi il viso o i denti.

Iniziare è facile, continuare è difficile.

Qual è la postura migliore per meditare?

Partiamo dal presupposto che il nostro corpo prova disagio nel momento in cui deve mantenere a lungo la stessa posizione. Siccome nella meditazione è importante che il corpo resti fermo per un certo periodo di tempo, è naturale che la questione della posizione non è solo un fatto puramente scenografico ma è funzionale alla pratica stessa. Il segreto in questo caso sta nel trovare il giusto equilibrio.

Considerando il nostro contesto culturale, la posizione che consigliamo per la maggior parte delle pratiche è quella da seduti. Ma vediamo che cosa s’intende per seduti!  

L’ideale sarebbe sedere a terra nella posizione del loto (la classica posizione che sicuramente avete già visto (ma vi garantisco che non è per niente semplice da raggiungere e tantomeno da mantenere).

Quindi per iniziare (salvo impedimenti fisici) è consigliabile sedersi a terra, nella classica posizione a gambe incrociate (stabilite voi l’incrocio) in modo che la schiena resti diritta e il corpo abbia una base ferma. Per facilitare il mantenimento della posizione nel tempo, consigliamo di mettere sotto i glutei un cuscino che vi permetta di sollevarvi da terra di almeno 10 cm (in commercio ne esistono veramente molti), in questo modo il bacino resterà più alto delle ginocchia e il peso del corpo si sposterà in avanti rendendo la vostra posizione più facile da mantenere. L’importante è dare al vostro corpo il tempo di abituarsi, nella meditazione l’ingrediente segreto è la pazienza, datevi tempo.

Se proprio non potete stare a terra in nessun modo, allora adottate la posizione su una sedia (ho detto sedia, non poltrona…) in modo che la schiena resti diritta e le piante dei piedi ben poggiate a terra. Se la schiena non è diritta, non solo alla lunga può creare problemi nel mantenimento della postura corretta ma invita anche la mente a fare altrettanto.

Occhi chiusi o occhi aperti?

Pur non essendoci particolari controindicazioni, è consigliabile mantenere gli occhi chiusi durante la pratica in modo da favorire la concentrazione e il rilassamento.

Qual è il luogo migliore per meditare?

Come abbiamo già detto meditare è semplice, la sfida sta nel trasformare la meditazione in una dolce abitudine quotidiana. Ecco perché è fondamentale curare dall’inizio gli aspetti che stiamo trattando. Molti novizi, sbagliando l’approccio iniziale, si stancano facilmente, perdono la motivazione e abbandonano la pratica. E noi non vigliamo che questo accada a te, quindi anche DOVE si medita (soprattutto all’inizio) riveste una notevole importanza.

Non è per questo dovrai trasformare la tua casa in un tempio di meditazione ma è importante che trovi un angolo della tua abitazione in cui poterti dedicare tranquillamente alla pratica! Potrebbe essere un angolo della camera da letto o di qualsiasi altra stanza. Deve diventare un angolo speciale per te, un luogo tranquillo dove tu ti possa rilassare, un luogo in cui dedichi un po’ di cura a te stessa/o senza interruzioni. Potrai renderlo più gradevole in base al tuo gusto, potrai bruciare dell’incenso per purificare l’ambiente, accendere una lampada di sale, una candela, mettere una musica di sottofondo… il solo pensiero di andarci ti deve dare piacere, ancor prima di iniziare la pratica!

Per quanto tempo?

Come dicevo prima, la continuità e la costanza sono più importanti della durata della singola pratica quindi all’inizio non è così fondamentale il tempo. Per un principiante 5/10 minuti possono bastare. Vedrai da sola/o che con il tempo che questo tempo tenderà a dilatarsi naturalmente, con la pratica costante arriverai a comprendere qual è il tempo ideale per te anche in base al momento e alla giornata. Più rendi le cose piacevoli, maggiore sarà la motivazione a continuare e una volta inserita nella tua routine quotidiana sarai tu a non poterne più fare a meno.

E dopo, che faccio?

Inizia a rilassarti il più possibile. Lo scopo è quello di portare corpo e mente in uno stato di profondo rilassamento, affinché la coscienza gradualmente si sposti dal corpo alla mente per raggiungere quello che viene chiamato appunto, STATO MEDITATIVO. Lasciati andare, abbandona il tuo corpo e osserva quello che accade. Non ti aspettare nulla, qualsiasi cosa proverai o sentirai è esattamente quella giusta per te in quel momento.

Come raggiungere il rilassamento?

L’immobilità aiuta il corpo a rilassarsi ma la chiave di tutto sta nel RESPIRO. All’inizio noterai che dopo i primi minuti di pratica inizieranno ad affiorare nella tua testa moltissimi pensieri e associazioni mentali. È normale…ma per entrare in uno stato meditativo occorre azzittire la MENTE. Proprio a questo scopo si consiglia di spostare l’attenzione dai pensieri al respiro. Porgendo l’attenzione al respiro, gradualmente i pensieri avranno sempre meno consistenza fino a quando spariranno. Il tuo respiro sarà sempre più corto, quasi impercettibile e finalmente sarai entrato nello stato di meditazione.

A questo punto non ti resta che iniziare!

Ora hai gli strumenti fondamentali per iniziare efficacemente la tua pratica. Ricorda il segreto sta nella costanza. All’inizio riuscirai a stare in meditazione solo 10 minuti…va bene, non importa. Continua non ti dare per vinta/o, vedrai che gradualmente il tuo corpo ne avrà bisogno come l’aria che gli serve per vivere

Se ti è piaciuto il nostro articolo ISCRIVITI alla nostra newsletter, riceverai da subito 2 OMAGGI di benvenuto, informazioni utili e pratiche per la tua crescita e i nostri aggiornamenti (per non perderti le novità!!!!) …non ti preoccupare non facciamo SPAM…lo detestiamo quanto te!

 

Iscriviti e ricevi gratuitamente 10 Passi (e-book) e la meditazione Yoga Nidra

Iscrivendoti a questo programma acconsenti ad essere inserita/o nelle nostre mailing list, accettando la Policy Privacy. Abbiamo cura dei tuoi dati, potrai modificarli o cancellarli in qualsiasi momento…

* campi richiesti
Qui puoi visionare la Policy Privacy

Non ti preoccupare… detestiamo lo spam quanto Te!

Qui troverai una guida che ti aiuterà a configurare la tua casella di posta

IMPORTANTE! Come avrai potuto notare il nostro blog è privo di pubblicità! Hai capito bene…nulla ti disturba nelle lettura. Noi autofinanziamo totalmente il nostro lavoro ma ti chiediamo un piccolo aiuto…condividi e commenta questo articolo! Grazie.

Ti invitaimo anche a raccontarci le tue esperienze commentando l’articolo nello spazio qui sotto

GRAZIE!