Questa guida è stata aggiornata il

Imparare a perdonare e a rilasciare i sentimenti negativi è una capacità che deve esser sviluppata per liberarti dal passato e stimolare la tua crescita personale.

Il perdono è la qualità del coraggioso, non del codardo.

Gandhi

Sappiamo perfettamente che quando si parla di perdono si tocca un argomento molto delicato e che inevitabilmente coinvolge emotivamente ognuno di noi…infatti:

Chi non ha mai ricevuto torti e comportamenti negativi da parte di un altro essere umano? , chi  per anni non ha covato sentimento di rancore, provando risentimento nei confronti di queste persona, confidando in una vendetta terrena o divina, chi non ha sprecato tempo nell’arrovellarsi il cervello per comprendere le cause di certi comportamenti?

Tradimento, dolore un’esperienza comune.

Spesso sono proprio le persone più strettamente legate a noi ad averci fatto male (genitori, figli, mariti, mogli, amici, parenti, ecc.) e questo tradimento genera in noi risentimento, rancore e un dolore immenso che ci dilania l’anima per giorni, mesi, anni…in alcuni casi non ci abbandona mai fino all’ultimo giorno della nostra esistenza!

Ed è qui il punto cruciale per trovare una soluzione a questa situazione…e sì, perché tutti i sentimenti e gli stati d’animo negativi che sperimenti in certe situazioni (rabbia, rancore, stress, ansia, odio, ecc.) sono armi letali che (più o meno) consapevolmente infliggi soprattutto a te stessa/o.

Perdonare: uno strumento terapeutico.

Il perdono è uno strumento terapeutico di eccezionale efficacia: se usato correttamente disintossica il corpo, la mente e lo spirito, permettendo di riconquistare fiducia in se stessi.

Daniel Lumera

Ecco che allora, imparare a perdonare si rivela uno strumento fondamentale per poter riprendere la tua vita e liberarti da quel fardello insopportabile che non ti permette di godere pienamente dei DONI che ti circondano e nei casi più gravi in grado di condurti verso disagi fisici significativi e vere e proprie malattie.

A tal proposito, nonostante si è soliti associare il perdono e la necessità di perdonare ad un contesto prettamente religioso, molti scienziati sono pronti ad affermare che il perdono “è la chiave per diminuire il rischio di malattie cardiache e disturbi mentali scatenati dal ricordo ossessivo di che cosa ci ha fatto male” (da I 7 passi del Perdono – la scienza della felicità di Daniel Lumera).

Per imparare a perdonare occorre un cambio di prospettiva.

Imparare a perdonare è forse una delle cose più difficili da fare considerando il nostro contesto culturale! Viviamo in una società dove siamo continuamente stimolati a suddividere tutto tra buono e cattivo, tra giusto e sbagliato, vincitori e perdenti, dove la competizione sembra essere l’unica strategia vincente, dove ci si elegge spesso a giudici degli altri ed infliggere verdetti piuttosto pesanti. In questo contesto il gesto del perdono viene visto come un atto di debolezza, di stupidità, ecc.

In realtà è l’atto più elevato che un essere umano può compiere, soprattutto per se stesso.

Ma allora come fare?

Cosa dite…proviamo a considerare il problema da un altro punto di vista! In altri contesti culturali non si parla di PERDONO perché è un termine dualistico, che separa inevitabilmente colui che ha fatto il torto (per semplificare un po’) da colui che l’ha subito, inoltre è un concetto legato al peccato. Quindi si preferisce usare il termine lasciare andaretutti gli stati d’animo negativi che ci portiamo dentro quando subiamo un comportamento scorretto o un’offesa.

Questo modo di vedere le cose ti può aiutare ad affrontare la situazione in modo più efficace. Il perdono è lo strumento per imparare a lasciare andare i sentimenti negativi che continui a nutrire come la rabbia, il rancore, il risentimento e che soffoca tutte le emozioni positive.

Imparare a perdonare è liberare un prigioniero e scoprire poi che quel prigioniero eri tu!

Attenzione ad alcune trappole culturali!

Se hai deciso che il discorso t’interessa e desideri veramente imparare a perdonare allora è importante che tu faccia attenzione ad alcune trappole culturali. Qui sotto troverai alcuni schemi linguistici che nascondono i rispettivi schemi di pensiero da cui è bene liberarsi se si vuole iniziare a fare un cammino verso il perdono:

  • Se perdono accetto o approvo il comportamento negativo dell’altro!
  • Se perdono sono un debole!
  • L’altro non è degno del mio perdono!
  • Me la pagherà, prima o poi me la pagherà!

Queste sono vere e proprie trappole per l’infelicità, esse vanno ad alimentare tutta una serie di schemi di pensiero e comportamento che ti impediscono di comprendere realmente che cos’è il perdono e i vantaggi che esso ha su chi lo pratica.

Imparare a perdonare: un dono a te stessa/o.

Il per-dono è (come suggerisce la parola) un dono che fai a te stessa/o, non agli altri.

Per quanto costi dolore ammetterlo, non è possibile agire sui comportamenti degli altri. Ognuno ha il proprio percorso da compiere e non puoi farti carico anche di quello degli altri. Se continui a focalizzare pensieri e parole su una situazione di cui non sei responsabile (qualsiasi essa sia) non farai altro che alimentarla all’infinito, e con essa tutti i sentimenti negativi che ne derivano (rancore, risentimento, odio e vendetta).

Perdonare è un processo graduale che richiede tempo e lavoro su se stessi ma che è in grado di regalarti quella pace e quella serenità mentale cui tutti (in fondo) ricercano.

Nessuno è totalmente privo di responsabilità.

Il tuo passato, con tutti gli eventi che lo hanno caratterizzato, ti ha permesso di arrivare a oggi in un certo modo, per quanto sia difficile comprenderlo a livello razionale, nulla avviene per caso e quindi anche quelle ingiustizie e sofferenze che hai in qualche modo subito, avevano il seme di qualche insegnamento utile. Bisogna imparare a vederle per quello che sono state e lasciarle andare perché esse non hanno più potere su di noi (a meno che non glielo concediamo!) Inoltre nessuno di noi è privo di “colpe”, in qualche occasione anche noi possiamo esserci comportati “male” e aver causato sofferenze ad altri e questo non perché siamo sbagliati ma semplicemente perché siamo esseri umani che per imparare, sbagliano.

Colui che non riesce a perdonare distrugge il ponte sul quale egli stesso deve passare; perché ogni uomo ha bisogno di essere perdonato.
George Herbert

La nostra meditazione sul perdono.

La meditazione che ti proponiamo qui sotto è sicuramente uno strumento efficace per agire in profondo dentro di te, superando gradualmente le barriere, le trappole mentali e imparare a perdonare.

E’ bene accostarsi a questa meditazione lasciando andare pregiudizi e pretese…rimani aperta/o alle molteplici possibilità che la dimensione profonda in cui entrerai ti regalerà…fiduciosa/o che ciò che avverrà sarà giusto per te in questo momento della tua vita.

In conclusione

Imparare a perdonare è un processo che va affrontato con gradualità, i tempo di guarigione pur passando per fasi simili, sono diversi per ognuno di noi. Ma se pensi che ne valga la pena condivido con te il pensiero di Miguel Ruiz nel libro “I quattro accordi”:

Si può paragonare il perdono alla cicatrizzazione di una ferita che ci siamo fatti su una mano mentre tagliavamo una mela: quando la ferita è ancora aperta, ci farà male non appena la tocchiamo o la sfioriamo semplicemente con i vestiti o qualche altro oggetto. Una volta che la pelle si sarà rigenerata, rimarrà una cicatrice o una parte di pelle più chiara: passandoci un dito sopra non ci provocherà dolore.

Miguel Ruiz

Ora, dopo aver letto l’articolo, quali sono le tue riflessioni sull’argomento?

Ps. Ci interessa molto conoscere il tuo pensiero, quindi ti invitiamo a scriverlo qui sotto!

Il confronto è sempre un’occasione di crescita! Grazie.

Il lavoro su te stesso è la chiave di svolta nel percorso di crescita, ecco altre risorse che potrebbero aiutarti nel tuo percorso:

Imparare a lasciar andare

Stati d’animo negativi: come modificarli

Prendi in Mano la Tua Vita

Risorse per approfondire

Libro [letto da noi!]

Titolo: I 7 passi del perdono. La scienza della felicità. Un metodo rivoluzionario per guarire e realizzarsi

Autore: Daniel Lumera

Disponibile su Amazon al miglior prezzo QUI!

Se ti è piaciuto il nostro articolo ISCRIVITI alla nostra newsletter, riceverai da subito 2 OMAGGI di benvenuto, informazioni utili e pratiche per la tua crescita e i nostri aggiornamenti (per non perderti le novità!!!!).

Scarica gratis il tuo bonus!

Inserisci la tua mail per ricevere

10 Passi (e-Book) e
la Meditazione sul Fiore

Non ti preoccupare… detestiamo lo spam quanto Te!

IMPORTANTE! Come avrai potuto notare il nostro blog è privo di pubblicità! Hai capito bene…nulla ti disturba nelle lettura. Noi autofinanziamo totalmente il nostro lavoro ma ti chiediamo un piccolo aiuto…condividi e commenta questo articolo! Grazie.