Questo articolo è stato aggiornato il 22 Novembre 2020

Procrastinare o non procrastinare, questo è il problema! Se finalmente hai deciso di mettere fine all’arte nel rimandare sei arrivato nel posto giusto.

Molte persone trascorrono la loro intera vita in un’isola fantastica chiamata “Un giorno io farò…”.

Denis Waitley

Confessa! Quante volte ti è successo di rimandare qualche cosa da fare? La telefonata difficile, il compito che non ti piace, l’appuntamento in palestra, ecc. Il nostro cervello è fantastico nel cercare delle scuse. Vero? Ma per quanto possa sembrare innocua la cosa, procrastinare (alla lunga) può diventare un vero problema per il nostro sviluppo personale.

Un detto recita: “Conosci il nemico come conosci te stesso. Se farai così, anche in mezzo a cento battaglie non ti troverai mai in pericolo” quindi iniziamo a capire che cosa ci porta a procrastinare all’infinito.

Procrastinare, una tendenza naturale dell’uomo

E già, contrariamente a quello che si pensa il procrastinare accompagna l’uomo da diversi millenni, infatti l’Homo Sapiens secondo confermate ricerche, si è evoluto rispetto ai suoi cugini proprio perché, tra la teoria e la pratica era in grado di lasciare un lasso di tempo per la progettazione e attivare migliori strategie. Quindi di per sé un periodo di tempo tra ciò che pensiamo di fare e ciò che facciamo sembrerebbe positivo fino a quando il tempo che trascorre diventa indeterminato.

La procrastinazione è proprio questo: rimandare ad un tempo indeterminato qualcosa da fare oggi!

Procrastinare è come utilizzare una carta di credito: ci si diverte molto fino a quando non arriva il conto!

Christopher Parker

Ma perché l’uomo moderno tende a procrastinare?

Ci possono essere molte risposte a questa domanda, sicuramente come tutte le cose anche la procrastinazione ti sta rivelando qualcosa di te in questo momento. Vediamo insieme le cause più comuni:

Ti manca l’entusiasmo e la motivazione!

Se l’attività che devi svolgere non di entusiasma o ancor peggio non ti motiva, il tuo cervello tenterà di rimandare l’azione. La motivazione è il carburante essenziale per agire e fare, in un nostro precedente articolo Come mantenere alta la motivazione abbiamo condiviso alcuni consigli sull’argomento.

Se però la cosa è più grave e non c’è niente che possa aiutarti a risvegliare la motivazione, forse è giunto il momento di fermarti e comprendere se è una cosa temporanea o invece è necessario un cambiamento più radicale.

Hai paura!

Questa è un’altra causa molto frequente per cui le persone tendono a procrastinare. La paura è uno degli ostacoli più frequenti per cui le persone si bloccano e rimandano, talvolta non è tanto la paura di fallire a bloccarci quanto, inconsciamente, la paura di riuscire e di dover stravolgere tutto. Come esseri umani tendiamo ad adattarci alle situazioni e i grandi cambiamenti possono rivelarsi difficili da accettare, anche se sono in grado di guidarci verso un miglioramento.

Forse stai gestendo male il tempo!

Se non hai una buona strategia nell’ottimizzazione del tempo e tendi a lavorare, studiare, fare sport, ecc. in modo compulsivo, senza prenderti delle pause e del tempo per le attività che ti ricaricano, allora il tuo cervello attuerà strategie per farti rallentare e fermarti.

In questo caso sarà opportuno individuare delle strategie di gestione del tempo, in modo da diventare altamente produttivi risparmiando tempo prezioso per la tua vita.

Alla base c’è un errore di valutazione!

Forse il tuo procrastinare dipende dal fatto che non ami svolgere le attività che valuti superflue e noiose. Anche la meta più ambiziosa, per essere raggiunta, richiede tempo anche in quelle piccole attività che sembrano superflue ma in realtà necessarie perché aumentano e valorizzano il risultato finale.

In questo caso è opportuno contestualizzare la singola attività nel suo contesto più ampio.

Indagare sul motivo che ti spinge a procrastinare è importante, anche sapere che esistono delle strategie efficaci che puoi applicare è altrettanto importante, quindi vediamo insieme quali sono.

Procrastinare: strategie per vincere questa insidiosa tendenza.

Una volta compresi i motivi che stanno alla base della tua tendenza a procrastinare è giunto il momento di scoprire come vincerla, essere consapevoli del problema è il terreno migliore su cui lavorare.

Quindi partiamo subito e vediamo le strategie che potrai applicare da subito.

Organizzati, pianifica e agisci.

Avere un programma d’azione è molto importante. Stabilire le attività prioritarie quotidianamente ti aiuta a focalizzarti su una serie limitata di obiettivi fattibili da raggiungere. Alla fine della giornata, una volta portata a termine la tua lista ti sentirai più soddisfatto e pronto a ripartire con la giusta energia.
Ricorda però di agire onde evitare di entrare nel circolo vizioso del programma perfetto, talvolta un’azione imperfetta può portare molto frutto.

Per iniziare, bisogna smettere di parlare e passare all’azione.

(Walt Disney)

Concentrati su un passo alla volta.

Più il progetto è ambizioso, più la strada da percorrere sarà articolata ma continuare a perdersi nel guardare il risultato finale rischia di farti sentire inadeguata/o, facendo traballare velocemente entusiasmo e motivazione. Il metodo kaizen può esserti d’aiuto in questa situazione: invece di guardare tutta la strada inizia a percorrere il primo passo, poi il secondo, poi il terzo…in meno di quello pensi raggiungerai la meta.

Se devi scegliere, inizia con le cose che ti piacciono meno!

Per quanto possa sembrare paradossale funziona. Sei di fronte al programma della tua giornata di studio, di lavoro, di allenamento e hai davanti a te cose che ti piace fare e cose che, pur se necessarie, non ami moltissimo. Bene, nel pieno delle tue energie inizia a toglierti proprio quelle che ami meno e dopo saranno proprio le attività che ami a ricaricarti conducendoti senza troppo sforzo alla meta!

Cambia il tuo dialogo interno!

Quello che ti ripeti costantemente nella mente può diventare il tuo più grande sabotatore. Quindi attenzione al dialogo interno e al potere delle parole. Se la frase che maggiormente ti gira in testa è: tanto non ce la farò mai, sei nei guai. Inconsapevolmente stai dando un comando alla tua mente inconscia che registrerà il tuo commento come una realtà (a prescindere che lo sia o meno) e si attiverà per assecondarti.

Prendi una vera decisione.

Se continui a procrastinare forse è il momento di decidere veramente. Talvolta è difficile distinguere una vera decisione da una semplice scelta ma in realtà è facile distinguere la differenza: la vera decisione porta sempre all’azione! In un precedente articolo Decidere: il potere del cambiamento abbiamo approfondito questo concetto attraverso l’insegnamento di grandi personaggi come Anthony Robbins.

In conclusione

Se stai vivendo in una situazione di procrastinazione, per prima cosa cerca di comprendere qual è la causa, dopodiché agisci. Conoscere le strategie, ti aiuterà solo se deciderai di metterle in pratica. Se hai ancora dei dubbi ricorda che cullarsi troppo nel piacere della procrastinazione ti allontana dalla miglior versione di te stessa/o. Non sprecare le tue infinite possibilità!

Scarica gratis il tuo bonus!

Inserisci la tua mail per ricevere i primi due capitoli
del nostro programma in 21 Giorni

Non ti preoccupare… detestiamo lo spam quanto Te!

Ps. Ci interessa molto conoscere il tuo pensiero, quindi ti invitiamo a scriverlo qui sotto! Il confronto è sempre un’occasione di crescita! Grazie.

Se ti è piaciuto il nostro articolo ISCRIVITI alla nostra newsletter, riceverai da subito 2 OMAGGI di benvenuto, informazioni utili e pratiche per la tua crescita e i nostri aggiornamenti (per non perderti le novità!!!!) …non ti preoccupare non facciamo SPAM…lo detestiamo quanto te!

IMPORTANTE! Come avrai potuto notare il nostro blog è privo di pubblicità! Hai capito bene…nulla ti disturba nelle lettura. Noi autofinanziamo totalmente il nostro lavoro ma ti chiediamo un piccolo aiuto…condividi e commenta questo articolo! Grazie.